C’era nell’aria una magia – La grande stagione artistica di Albisola

C’era nell’aria una magia – La grande stagione artistica di Albisola a cura di Daniela Lauria

La mostra è incentrata sulle straordinarie opere ceramiche, pittoriche e di scultura di un cenacolo di artisti, oggi noti in tutto il mondo (tra gli altri, Fontana, Jorn, Appel, Capogrossi, Scanavino ecc) che, in un periodo d’oro tra gli anni 50 e 60 del 900 hanno dato vita in Albisola, ad un gruppo creativo unico, sostenuto ed incoraggiato dalle Ceramiche San Giorgio, azienda orientata da Giovanni Poggi – che l’ha fondata insieme ad Eliseo Salino ed è tutt’ora anima dell’opificio – alla costante ricerca di una produzione di elevata qualità artistica.

Lungo le pagine del catalogo si possono ammirare importanti realizzazioni dei già citati maestri del 900, oltre ad opere di artisti altrettanto noti e significativi sia nell’ambito dell’arte moderna, quali Simondo, Sassu, Fabbri, Cherchi, Salino, Lam e Sabatelli, sia nel contemporaneo come Casagrande, Timour Lam, Lerpa, Bolano, Hizler, esposto anche al MOMA di New York.

Il percorso tracciato, infatti, vuole offrire una testimonianza accurata e palpitante di una stagione irripetibile che – come dice Scanavino nella frase che da il titolo alla mostra – fu vissuta in un’aura fatata, che ha reso possibile la nascita di movimenti artistici di livello europeo e mondiale (basta pensare allo spazialismo, al gruppo Cobra ed all’Internazionale situazionista). 

La mostra è stata inaugurata sabato 14 maggio 2016 alle ore 16,30 presso l’Art Gallery La Luna, Via Roma 92, Borgo San Dalmazzo (Cn) e alle ore 18,00 presso Fondazione Peano, Corso Francia 47. 

Pubblicazioni correlate